Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

programma stick

 
 

 

dirette stick arancio

youtube

  • Tutti cerchiamo

  • Conoscenze valide

  • Amicizia

  • Momenti di incontro

  • Bellezza

  • Serenità

  • In definitiva ... la felicità

prev next

Tratto da "Elogio della vita imperfetta" (Paolo Scquizzato)

La perla è spleostricandida e preziosa.

Nasce dal dolore.

Nasce quando un'ostrica viene ferita.

Quando un corpo estraneo – un'impurità, un granello di sabbia – penetra al suo interno e la inabita, la conchiglia inizia a produrre una sostanza (la madreperla) con cui lo ricopre per proteggere il proprio corpo indifeso. Alla fine si sarà formata una bella perla, lucente e pregiata. Se non viene ferita, l'ostrica non potrà mai produrre perle, perché la perla è una ferita cicatrizzata.

 

Quante ferite ci portiamo dentro, quante sostanze impure c'inabi­tano? Limiti, debolezze, peccati, incapacità, inadeguatezze, fragili­tà psico-fisiche... E quante ferite nei nostri rapporti interpersonali? La questione fondamentale per noi sarà sempre: cosa ne facciamo? Come le viviamo?

La sola via d'uscita è avvolgere le nostre ferite con quella sostanza cicatrizzante che è l'amore: unica possibilità di crescere e di vedere le proprie impurità diventare perle.

L'alternativa è quella di coltivare risentimenti verso gli altri per le loro debolezze, e tormentare noi stessi con continui e devastanti sensi di colpa per ciò che non dovremmo essere e per ciò che non dovremmo provare.

L'idea che spesso ci portiamo dentro è che dovremmo essere in un altro modo; che, per essere accettati da noi stessi, dagli altri e da Dio, non dovremmo avere dentro di noi quelle impurità indecenti. Vor­remmo essere semplici «ostriche vuote», senza corpi estranei di vario genere, dei «puri» insomma. Ma questo è impossibile, e anche qua­lora ci considerassimo tali, ciò non significherebbe che non siamo mai stati feriti, ma solo che non lo riconosciamo, non riusciamo ad accettarlo, che non abbiamo saputo perdonarci e perdonare, com­prendere e trasformare il dolore in amore; e saremmo semplicemente poveri e terribilmente vuoti.

È fondamentale giungere a comprendere l'importanza — in noi e fuori di noi, nelle nostre relazioni — della presenza dei limiti, delle ferite, delle zone d'ombra; capire, alla luce del messaggio evangelico, che tutto ciò che del nostro ed altrui mondo interiore è segnato dall'ombra e dal limite, è l'unica nostra ricchezza, e che proprio lì è possibile fare esperienza della nostra salvezza. Insomma, che non vi è nulla dentro di noi che meriti di essere gettato via.

GTranslate

itenfrdeptrues

logobuonacausa

Ringraziamo chi ci dona il suo CINQUE PER MILLE indicando il codice fiscale 97736630019

repliche trasparente


blog1p

 


Radio chicercatrova Biblioteca


web radio2

 

bibliotecaico

 

Visite agli articoli
564025

immacolatanewsletter

logooasi3rid

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

Vai all'inizio della pagina