Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

programma stick

 
 

 

dirette stick arancio

youtube

Tratto da "Elogio della vita imperfetta" (Paolo Scquizzato)

La perla è spleostricandida e preziosa.

Nasce dal dolore.

Nasce quando un'ostrica viene ferita.

Quando un corpo estraneo – un'impurità, un granello di sabbia – penetra al suo interno e la inabita, la conchiglia inizia a produrre una sostanza (la madreperla) con cui lo ricopre per proteggere il proprio corpo indifeso. Alla fine si sarà formata una bella perla, lucente e pregiata. Se non viene ferita, l'ostrica non potrà mai produrre perle, perché la perla è una ferita cicatrizzata.

 

Quante ferite ci portiamo dentro, quante sostanze impure c'inabi­tano? Limiti, debolezze, peccati, incapacità, inadeguatezze, fragili­tà psico-fisiche... E quante ferite nei nostri rapporti interpersonali? La questione fondamentale per noi sarà sempre: cosa ne facciamo? Come le viviamo?

La sola via d'uscita è avvolgere le nostre ferite con quella sostanza cicatrizzante che è l'amore: unica possibilità di crescere e di vedere le proprie impurità diventare perle.

L'alternativa è quella di coltivare risentimenti verso gli altri per le loro debolezze, e tormentare noi stessi con continui e devastanti sensi di colpa per ciò che non dovremmo essere e per ciò che non dovremmo provare.

L'idea che spesso ci portiamo dentro è che dovremmo essere in un altro modo; che, per essere accettati da noi stessi, dagli altri e da Dio, non dovremmo avere dentro di noi quelle impurità indecenti. Vor­remmo essere semplici «ostriche vuote», senza corpi estranei di vario genere, dei «puri» insomma. Ma questo è impossibile, e anche qua­lora ci considerassimo tali, ciò non significherebbe che non siamo mai stati feriti, ma solo che non lo riconosciamo, non riusciamo ad accettarlo, che non abbiamo saputo perdonarci e perdonare, com­prendere e trasformare il dolore in amore; e saremmo semplicemente poveri e terribilmente vuoti.

È fondamentale giungere a comprendere l'importanza — in noi e fuori di noi, nelle nostre relazioni — della presenza dei limiti, delle ferite, delle zone d'ombra; capire, alla luce del messaggio evangelico, che tutto ciò che del nostro ed altrui mondo interiore è segnato dall'ombra e dal limite, è l'unica nostra ricchezza, e che proprio lì è possibile fare esperienza della nostra salvezza. Insomma, che non vi è nulla dentro di noi che meriti di essere gettato via.

GTranslate

itenfrdeptrues

Vai all'inizio della pagina